closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Caso Koulibaly: la solidarietà non basta più

Calcio. Gli insulti razzisti al giocatore del Napoli durante il match contro la Fiorentina, raccolgono lo sdegno di società e Fgci. Ma ora è tempo di applicare pene severissime

Kalidou Koulibaly consolato da Victor Osimhen

Kalidou Koulibaly consolato da Victor Osimhen

Si sono scusati tutti, o quasi. Il sindaco di Firenze Nardella, la Fiorentina attraverso il direttore generale Barone e poi con una nota ufficiale affidata ai profili social. E hanno mostrato vicinanza a Kalidou Koulibaly e gli altri calciatori neri del Napoli, Anguissa e Osimhen, offesi a più riprese sugli spalti del Franchi durante Fiorentina-Napoli, anche la federcalcio, l’associazione calciatori, altri colleghi colpiti dalle stesse ingiurie a sfondo razzista come Balotelli, poi Rio Ferdinand, Donnarumma, l’ex fiorentino Babacar. E così il Milan, in appoggio a Koulibaly, mentre la procura federale della federcalcio ha aperto un fascicolo sul vergognoso accaduto. Insomma,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.