closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Caso Ferrulli, per i giudici “non ci fu alcuna violenza gratuita” della polizia

Milano. Sono state depositate le motivazioni della sentenza che lo scorso luglio ha assolto i quattro agenti accusati di omicidio preterintenzionale in seguito alla morte del 51enne, arrestato e colpito ripetutamente nella notte del 30 giugno 2011. Per i giudici della Corte d'Assise quei dieci colpi assestati dai poliziotti erano necessari e non troppo violenti, inoltre la Procura, che aveva chiesto sette anni di carcere per gli agenti, si sarebbe fatta influenzare dalla "vox populi". L'avvocato della famiglia, lette le motivazioni, è ancora più fiducioso per l'appello

Le sentenze non si commentano. Meno male che questa si commenta da sola. Sono pubbliche le motivazioni della sentenza pronunciata dai giudici della prima Corte d’Assise di Milano che lo scorso luglio assolsero quattro poliziotti accusati di omicidio preterintenzionale, “perché il fatto non sussiste”. La sera del 30 giugno 2011 Michele Ferrulli morì tra le loro mani mentre lo stavano picchiando (poco) per ammanettarlo. Un video documenta le concitate fasi del fermo, le urla dell’uomo che chiedeva aiuto, e le grida di alcune donne che avevano assistito - “basta, gli fate venire un infarto”. Michele Ferrulli, 51 anni, stava per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.