closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Caso Bekaert, licenziati 113 operai. La Fiom: “E’ mancata la politica”

Crsi industriali. Dopo l'ennesima fumata nera al Mise, avviata la mobilità per i dipendenti rimasti. "Siamo in questa situazione perché Fim, Uilm e Regione Toscana hanno firmato i licenziamenti – attaccano i metalmeccanici della Cgil - se la multinazionale ha avuto un atteggiamento inaccettabile, la Regione non ha saputo svolgere un ruolo politico. E’ un paradosso licenziare mentre è in atto il blocco dei licenziamenti".

Una protesta dei metalmeccanici Cgil

Una protesta dei metalmeccanici Cgil

Dopo che anche l'ultimo incontro notturno al ministero si è chiuso con una fumata nera, con la decisione della multinazionale belga di non sospendere i licenziamenti, per i 113 operai superstiti della Bekaert il futuro si fa sempre più nero e pieno di incognite. Al mattino un presidio di protesta davanti alla fabbrica a Figline Valdarno ha certificato l'ennesimo fallimento di quelle politiche di reindustrializzazione sempre avanzate quando una multinazionale se ne va, senza però una parallela assunzione di responsabilità da parte della politica. Questo almeno è quanto denuncia, a chiare lettere, la Fiom. “Siamo in questa situazione perché il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi