closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Case palestinesi demolite mentre aumentano gli avamposti coloniali

Territori Occupati. E' vero soprattutto da quando Donald Trump è entrato nella Casa Bianca, rivela una ricerca della ong Peace Now. La tensione resta alta dopo la distruzione due giorni fa a Sur Baher di 12 edifici palestinesi

Il premier israeliano Netanyahu con l'ambasciatore Usa in Israele Friedman

Il premier israeliano Netanyahu con l'ambasciatore Usa in Israele Friedman

Conferma anche Israele. Sono 12 gli edifici palestinesi ridotti in macerie dalle ruspe militari nel rione di Wadi al Humus, a Sur Baher, alla periferia meridionale di Gerusalemme Est. L’ultimo palazzo, ancora in costruzione, è stato sbriciolato lunedì nel tardo pomeriggio da una esplosione controllata che soldati e poliziotti israeliani hanno salutato – come mostra un filmato che circola in rete - con applausi e risate. «La gente di Sur Baher non ride, piuttosto teme nuove demolizioni» ci dice Jonathan Pollak storico attivista dei diritti dei palestinesi. «Lunedì sono stati abbattuti quattro edifici già abitati, sei quasi terminati in attesa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.