closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Casa, Di Vetta condannato a un anno e sei mesi. I movimenti: «È accanimento»

Diritto all'abitare. Per il portavoce dei "Blocchi precari metropolitani" il Pubblico ministero aveva chiesto l'assoluzione per gli incidenti avvenuti davanti alla sede del Cipe nel marzo 2012 a Roma

Paolo Di Vetta (Blocchi Precari Metropolitani)

Paolo Di Vetta (Blocchi Precari Metropolitani)

Quattro attivisti dei movimenti romani per il diritto all'abitare sono stati condannati a pene pesanti per gli incidenti avvenuti davanti alla sede del Cipe nel marzo del 2012 a Roma. Il tribunale ha respinto le richieste della Procura che aveva chiesto l'assoluzione degli imputati, condannando ad un anno e sei mesi di reclusione Paolo Di Vetta, leader storico dei movimenti per l'abitare a Roma e portavoce dei "Blocchi Precari Metropolitani" (Bpm) per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. Di Vetta si trova attualmente agli arresti domiciliari perché considerato tra i responsabili dell'organizzazione del corteo del 12 aprile...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.