closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Carmelo Bene, partiture da Shakespeare

I magnifici 70. Riccardo III: sulla scena buia, l’uomo-macchina. Intervista del 1978

Questo Riccardo III di Carmelo Bene affronta la questione del teatro alla sua radice e restituisce alla scena e allo spettatore la radicalità della questione del «rappresentare» e dell’«esibire»: la negazione dell’illusione pacificante del rappresentare, dell’impersonare (un ruolo, un carattere, un «significato») e dell’incarnare, e il terrore di un linguaggio che divora se stesso e si consuma e si attorce attorno al suo apparire e svanire. Come viene affrontata la questione del potere in questo tuo «Riccardo III»? Il potere è assente da questo Riccardo; non lo ebbe in vita e lo non glielo do nemmeno in scena: è quella...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi