closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Stefano Bonilli, «è stato un vero piacere»

Intervista a Carlo Petrini. Il padre fondatore del movimento Slow Food ricorda l'ex giornalista del manifesto, inventore dell'inserto il Gambero rosso, morto l'altra notte per un malore improvviso. "Con lui ho vissuto una straordinaria avventura che ruotava attorno a uno speciale sentire comune per la gastronomia intesa come riflessione sulla società, sull'economia e sull'agricoltura italiana... Con quella rivoluzionaria pubblicazione, nel 1986, il quotidiano ebbe il coraggio di sperimentare un prodotto nuovo che non apparteva al suo Dna, fu un'impresa straordinaria"

Stefano Bonilli

Stefano Bonilli

A 67 anni ci ha lasciato Stefano Bonilli. L’ex giornalista del manifesto è stato una delle più grandi e visionarie firme dell’enogastronomia italiana. Nel 1986 ha dato vita alla più importante iniziativa editoriale che questo giornale ha avuto l’onore e la forza di mandare in edicola. Era “solo” un supplemento geniale che parlava di cibo e si chiamava il Gambero Rosso. Otto pagine profetiche che prima di trasformarsi in una delle più autorevoli guide gastronomiche italiane contribuirono alla genesi del movimento Slow Food. Ecco perché si può dire che Stefano Bonilli, insieme a Carlo Petrini e pochi altri, ha contribuito...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.