closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Visioni

Carla Bley, indagine sull’assoluto del jazz

Note sparse. «Life Goes On» segna il rientro sulla scena discografica della grande pianista americana. Suite e improvvisazioni in trio con Andy Sheppard e Steve Swallow

Carla Bley

Carla Bley

Carla meraviglia, Carla dolce e aguzza, Carla con i suoi 83 anni portati con eleganza da teen-ager e classe da gran signora e pensatrice della musica. Pensatrice della vita, della buona vita, della vita attiva. Con leggerezza, densità, curiosità, crescente concisione e riflessione. Carla da amare in questo album che sembra fatto apposta per i nostri giorni terribili. Già dal titolo Life Goes On (Ecm/Ducale), insomma la vita continua o ancora meglio la vita va ancora più avanti. Ma in questa nuova Carla Bley con il suo sapiente esperto trio (lei al piano, Andy Sheppard al sax e al basso elettrico Steve Swallow, compagno di musica e partner amoroso della leader) non c’è niente di avant, lei che è pur stata in prima linea nella stagione del free.

IN QUESTO ALBUM c’è l’ulteriore maturità, abbiamo detto maturità non vecchiezza, una maturità inesauribile che coincide con la vocazione a esperire, a cercare e trovare, con rilassatezza, con cordialità non dimenticata ma con una seria concentrazione sull’essenziale, su quel che conta quando si elaborano suoni e se ne fa oggetto di dialogo. Maturità di un’indagine sul jazz, meno miscelata con l’Europa primo ‘900 di Weill come è piaciuta tanto a Carla in anni passati. Un’indagine sul lascito del blues, ad esempio. La title track è qualcosa di così semplice e di così incredibilmente coraggiosa, un enunciato di commozione pacata come non se ne riescono ad ascoltare e nemmeno immaginare tanto spesso. Sheppard che addirittura fa venire in mente il Sonny Rollins di Weird Blues, quel brano audacissimo firmato Miles Davis dell’anno 1956, capolavoro inestimabile.

E LEI, Carla, che si riscopre pianista splendida: poche note, accordi solenni e blues profondo in apertura, una intelligenza che non ti spieghi come possa emergere così cristallina dal «niente» di una composizione+improvvisazione tanto classica.

OVVIAMENTE Steve Swallow è all’altezza della sua fama di costruttore di edifici dove tutto è misurato ed intenso nello stesso tempo, quel mettere una nota singola dopo l’altra seguendo una linea logica che ti sorprende sempre, e dire che parte da Charlie Christian, prosegue con Jim Hall, tutti e due chitarristi non bassisti, ma poi c’è di mezzo il periodo di esperimenti col trio di Jimmy Giuffre (anni ‘60) e allora si capisce che Steve ne sa una più del diavolo.
Life Goes On è anche una suite in 4 movimenti. Nell’album ce ne sono altre due: Beautiful Telephones in 3 movimenti e Copycat in 3. Meno «vibrazioni» che nel blues iniziale ma ovunque il pensoso, solido, affettuoso elogio dello stare al mondo. E ovunque la finezza sempre più meditata del pianismo sintetico di Carla. Una cultura musicale ampia variegata, Usa ed Europa assieme. Una nuova modernità.


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna