closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Caravaggio nero, una notizia milanese

La biografia di Caravaggio nelle "Vite degli artisti di Gaspare Celio", a cura di Riccardo Gandolfi, Olschki. Su Merisi, Celio nutre i tipici pregiudizi manieristici. Ma ci ragguaglia su un «nuovo» fatto di sangue, in seguito al quale, in giovinezza, «se ne andò a Roma»

Ottavio Leoni,

Ottavio Leoni, "Ritratto di Caravaggio", Firenze, Biblioteca Marucelliana

Non capita tutti i giorni di poter dare notizia del ritrovamento di un’importante fonte per la Storia dell’arte. Figuriamoci poi se in questa fonte è compresa una «nuova» biografia di Michelangelo Merisi. Sì, proprio lui: Caravaggio! Un manoscritto che dovette avere una certa circolazione, come attesta il fatto che vi ebbe sicuramente accesso anche Giovan Pietro Bellori, poiché le annotazioni di sua mano sulle Vite scritte da Giovanni Baglione, e pubblicate nel 1642, sono confrontabili con precisione proprio con passi di Celio. Il ritrovamento del manoscritto delle Vite di Gaspare Celio era stato annunciato dal suo scopritore, Riccardo Gandolfi, almeno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi