closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Capo Lakota: «Le compagnie petrolifere distruggono le nostre terre»

Le proteste contro la Dakota Access Pipeline

Le proteste contro la Dakota Access Pipeline

Martedì scorso, nelle stesse ore in cui il presidente degli Stati uniti parlava, un altro presidente di un'altra America interveniva a Ginevra, davanti al Consiglio delle Nazioni Unite, per denunciare tutti i rischi che deriveranno dalla costruzione dell'oleodotto Dakota Access Pipeline: «Il mio nome è Dave Archamoult, sono il presidente della Standing Rock Sioux Tribe. La nostra nazione è situata negli Usa. La nostra sovranità è stata sancita dai trattati del 1961 e 1968 firmata dai nostri capi e dai presidenti degli Stati Uniti. Sono qui perché le compagnie petrolifere stanno deliberatamente causando la distruzione dei nostri luoghi sacri e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi