closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Caos a Tripoli, sei migranti uccisi a colpi di arma da fuoco ad Al Mabani

Mediterraneo. In seguito ai rastrellamenti di massa triplicato il numero di persone recluse. In centinaia riescono a fuggire dai centri di prigionia. Proteste davanti a una sede dell'Unchr: «Dovete evacuarci»

Tripoli, rifugiati protestano davanti all'Unhcr

Tripoli, rifugiati protestano davanti all'Unhcr

La situazione dei migranti nella capitale libica è sempre più drammatica. Giovedì almeno in sei sono stati uccisi e in 24 colpiti da colpi di arma da fuoco nel centro di detenzione di Al Mabani. Lo ha confermato ieri l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) che in un comunicato parla di «migranti feriti, stesi a terra in pozze di sangue». I numeri potrebbero essere più alti, perché la situazione è caotica e tensioni ci sono anche in altri luoghi di prigionia e nelle strade. In rete circolano video che mostrano centinaia di persone fuggire da Al Mabani e riversarsi nelle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.