closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Alias

Canta che ti passa

Tempi duri per tutti ma per i vecchi satiri come me, che insistono sulla carta stampata per di più bolscevica, tempi durissimi! Maledetti voi, che chiusi a casa a girarvi i pollici non trovate di meglio che rubarmi il lavoro con migliaia di WathsApp spiritosissimi. Ma dico io: imparate piuttosto a fare il pane, a lavorare a maglia, a giocare a scacchi, organizzatevi un bel karaoke in famiglia… come dite? è difficile trovare una canzone che metta d’accordo padri, madri, figli e nonni ? … niente paura, eccone qui una nuova di zecca, da cantare sulle note della famosissima «Sul tram di Posillipo»(Armando Gill 1926). Base musicale su https://youtu./VFLRXpXLDIw
Musica maestro!
I’ stev’ e casa ‘o vommer’, lei era «de milan», (io abitavo al Vomero, lei era milanese)
ricett’: si bellissima, mi diede la sua man, (le dissi: sei bellissima e convolammo a nozze)
ma poie s’allamentav’, ca sta o’ vulcan’ attiv’, (ma poi si lamentava qui c’è un vulcano attivo)
si chiovn’ e lapill’, rimm’: come li schivo?! (se piovono i lapilli, dimmi: come li schivo?!)
io l’ho imparata subbito, ma poi una brutta sera (io tosto l’istruii, ma poi una brutta sera…)
ricett’ i’ me ne vac’, terun! qui c’e’ il colera (mi disse: me ne vado, terron , qui c’è il colera)
mettett’ int’ a ‘nu trolly, tutt’ e vestit’ e un body (mise in un trolley i suoi abiti e un body)
Jettm’ addu sua matre, che stev’ ‘e casa… a lodi! (andammo da sua madre che abitava a… Lodi!)
stamm dint’ a zona rossa, niente tram e filobbuss’ (siamo nella zona rossa, autobus interdetti)
nun sia mai ‘nu colp’ e toss’, tutti alluccano: o virus! (e se uno tossisce, tutti urlano: il virus!)
steve meglio cient’ vote, sotto a ‘nu vulcan attivo (vivevo cento volte meglio sotto al Vesuvio)
ca ‘stu die e corona ‘nfam’, cient’ vot’ e’ chiu cattivo (poiché ‘sto Covit 19 è 100 volte peggio)
t’arricuord’? a margellina, ce magnavm o spumone (ricordi? quei bei coni gelati a Mergellina?)
mo si ascimm’ e casa e’ sul, pe’ ce fa n’atu tampone, (ora si esce solo per farci un altro tampone )
ma si esco positivo, preferisco l’eruzione, (ma se risultassi positivo, allora meglio l’eruzione)
bradisim’, terremoto, zupp’e cozze e vongolone! (il bradisismo, il terremoto, cozze e vongole)
tu tiniv’ ‘na vucchella, doce cchiu de ‘na cerasa, (avevi una boccuccia dolce più d’una ciliegia)
co’ ‘sta cazz’ e mascharina i’ ca lengua chiu’ n’ce tras’ (con la mascherina non riesco a baciarti)
si, te voglio ben’ angor’ ma a finnale moglie e buoi… (sì, ti voglio bene, ma mogli e buoi…)
comm rice lu pruverbio, meglio re pais’ tuoie (come dice il detto, siano del tuo paese d’origine).