closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Cannibali per amore

Narrativa. La prima volta da romanziere di David Cronenberg: «Divorati», edito da Bompiani, porta fra le pagine tutte le ossessioni del filmmaker, in una parabola dell'atto estremo del consumismo

«Quando guardi un film, c’è una certa distanza tra te e lo schermo. Fisicamente parlando, un libro è molto più vicino al cuore, al cervello». Per David Cronenberg (come spiega in un’intervista al sito Flavorwire), la scrittura del romanzo «è molto più interiore, intima», rispetto a quella del copione di un film; una scrittura «in prima persona, almeno dal punto di vista emotivo». Filtrata dalla sublime illusione di neutralità dello sguardo con cui il regista di La mosca e Cosmopolis ci ha portati in luoghi inavvicinabili della coscienza e dell’immaginario, quell’esperienza - intima, interiore, in prima persona - è tangibilissima...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.