closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«Cambiamo rotta per il maltempo, ma la situazione è calma»

Aquarius. I mediatori culturali cercano di farsi raccontare dai migranti cosa hanno passato in Libia: queste persone hanno subito rapimenti, stupri e torture

Dopo cinque giorni a bordo dell'Aquarius è finalmente tornata la calma. Ieri mattina un vento di 35 nodi e le onde alte più di tre metri hanno complicato la navigazione dei 106 migranti, dell'equipaggio e dei volontari delle due ong, Sos Mediterranée e Medici senza frontiere che li assistono. Una situazione tale da costringere il piccolo convoglio - l'Aquarius è preceduta dalla nave Dattilo della Guardia costiera italiana e seguita da una nave della Marina militare cariche anch'esse di migranti - a un improvviso cambiamento di itinerario. La nuova rotta lo ha portato nel pomeriggio a navigare verso nord a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.