closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Politica

Calenda contro Renzi, l’appoggio al centro sinistra

Appoggerà il centrosinistra a tutte le regionali, tranne quelle pugliesi, ma soprattutto: il «feeling» iniziato con Matteo Renzi è già finito, anzi «non è mai cominciato». Carlo Calenda prende le distanze dal leader di Italia viva. Lo fa sabato, domenica e lunedì, con dichiarazioni e interviste, nel week end in cui il paese piomba nell’emergenza Coronavirus, e in uno spirito di collaborazione con un governo che pure non ha mai sostenuto e che comunque «ha fatto molti sbagli».

Con Renzi, con cui sembrava avviata una confluenza politica, è già rottura. «Non so chi dice che siamo promessi sposi, ma io non condivido quasi nulla dell’impostazione di Renzi», ha detto ieri l’ex ministro a Rainews 24, «trovo il suo modo di fare politica poco serio: non condivido la scelta di dare vita a questo governo per poi bombardarlo quotidianamente, non condivido la scelta di aver fatto la battaglia sulla prescrizione ora e non aver posto il problema al momento della nascita dell’esecutivo».

Calenda punta il dito sulle contraddizioni delle scelte di Renzi e sull’andamento zigzagante del percorso politico di Italia viva da settembre scorso, quando ha dato il fondamentale impulso al governo giallo-rosso, a oggi. Dunque Calenda accetta persino di sostenere Lorenzoni, il candidato di centrosinistra in Veneto,«non è forse il profilo che avremmo suggerito, ma è una persona perbene». E tutti i candidati di coalizione delle regionali di primavera, tranne Emiliano in Puglia, perché «ha votato contro tutti i provvedimenti di centrosinistra».

Un passo verso Zingaretti, dunque, che potrebbe persino aprire la strada a una sua candidatura al Campidoglio. Ma è presto per parlarne, dice, «per ora il partito assorbe tutte le mie energie». Per ora.


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna