closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Calais: rissa tra migranti e spari, la disperazione domina

Francia. Una ventina di feriti, 4 tra la vita e la morte. I passeur afghani messi in causa, la reazione degli eritrei. La violenza alimentata da una situazione di vita impossibile, tra repressione della polizia e nessuna risposta britannica dopo la promessa di accogliere i minorenni isolati con famiglia oltre Manica

Una rissa tra migranti afghani e eritrei, con una ventina di feriti, 4 africani tra la vita e la morte, colpiti da armi da fuoco: è la situazione che ha vissuto Calais giovedì sera, mentre ieri la tensione è rimasta alta tutta la giornata e si temevano altri scontri. Tutti gli elementi sono riuniti a Calais per far esplodere la violenza. La scintilla è stata l’intervento dei passeur afghani contro gli eritrei, che hanno poi chiamato dei rinforzi: «I passeur cercano di scartare chi non ha soldi», spiegano all’Auberge des Migrants, associazione di protezione dei migranti. E gli eritrei sono...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.