closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Cala la saracinesca, scene da guerriglia

Napoli. Il corteo, organizzato dalla Confcommercio, che poi si dissocia dalle violenze, è l’ultima bomba che esplode in una città stremata, dove la mobilità è ormai diventa emergenza. E c’è chi ne approfitta

Una mattinata di fuoco ieri a Napoli, con i commercianti in corteo contro le zone a traffico limitato e in generale contro l’amministrazione De Magistris. Il primo scontro con le forze dell’ordine è davanti la sede del comune, in piazza Municipio, dopo il lancio di bombe carta da parte dei manifestanti: ultrà del Napoli mischiati ai negozianti arrivati dai quartieri commerciali del centro (da via Duomo, a Mergellina, passando per la Pignasecca, via Toledo, via Chiaia). Una giornalista di Repubblica, Cristina Zagaria, si ferisce al ginocchio, l’esplosione le rimbomba in un orecchio. Parte la prima carica, Mario Talarico, ottantenne artigiano...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.