closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Cade Homs, “capitale della rivoluzione”: le opposizioni firmano la tregua

Siria. Il governo si accorda con i ribelli, come fatto a Ghouta e Zabadani. Ad Aleppo l'Esercito Libero Siriano si spacca, a Raqqa i residenti denunciano i raid internazionali

La città siriana di Homs

La città siriana di Homs

Niente di nuovo sotto il sole siriano. A parlare è la lingua della forza, mentre la promessa di far sedere allo stesso tavolo governo e opposizioni entro il primo gennaio si fa sempre meno concreta. E le due parti allora negoziano da sole, senza la supervisione di chi ne muove i fili da quattro anni: martedì le opposizioni a Homs hanno siglato con il governatorato della città il ritiro dal distretto di Waer, dove erano ancora presenti dopo aver abbandonato – sotto la supervisione Onu – il resto della città oltre un anno fa. «Evacuazione degli uomini armati e delle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.