closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Butterfly, Aida, Turandot. Il paradosso del Femminile nel dramma in musica

Lirica. Alla 53sima edizione del Macerata Opera Festival tre riletture sceniche ardite e suggestive

Foto di Alfredo Tabocchini

Foto di Alfredo Tabocchini

Quando si tenta di mappare l’anima nel dramma in musica, come ha fatto il Macerata Opera Festival nell’ultimo triennio, quasi inevitabilmente si sprofonda nella sfera del Femminile, che si porta dietro un paradosso significativo: mentre viene usato come centro vocale-drammaturgico del teatro d’opera, il Femminile è il grande Altro della cultura che ha generato quello stesso teatro. Storicamente il cervello e il braccio (impresari, compositori, direttori, macchinisti ecc.) nel mondo dell’opera sono uomini, mentre alle donne (ovviamente non solo a loro, ma onestamente soprattutto alla spettacolarità della loro voce) è affidato il compito di incarnare ciò che gli uomini hanno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.