closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Bugie, bugiardelli e bugiardini

In una parola. La rubrica a cura di Alberto Leiss

Non mi sono mai capacitato del fatto che quelle fitte, difficilmente leggibili in quanto stampate con piccoli caratteri, e soprattutto inquietanti informazioni su cartigli leggeri che troviamo nelle confezione dei farmaci, siano chiamate “bugiardini”. Visto che si discute di come vengono modificati in corso d’opera i “bugiardini” di vaccini che siamo indotti a assumere per il bene nostro e comune (altra questione è che siano arrivate le dosi, possibilmente ben incapsulate e non mischiate a sostanze immesse per errore, come è capitato a Johnson & Johnson negli Stati Uniti…) mi sono documentato presso l’Accademia della Crusca. Ecco qui - anche...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi