closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

B’Tselem senza precedenti: «Israele regime di apartheid»

Israele. L’ ultimo rapporto dell’ong ebraica per i diritti umani: «Non c’è metro quadrato tra il fiume Giordano e il Mediterraneo in cui un palestinese e un ebreo siano uguali». Forti reazioni contrarie: siamo ai limiti dell'antisemitismo

L’insediamento coloniale israeliano di Ma'ale Efrayim nella Valle del Giordano occupata

L’insediamento coloniale israeliano di Ma'ale Efrayim nella Valle del Giordano occupata

«Pensiamo che le persone debbano svegliarsi, affrontare la realtà e smettere di parlare in termini futuri di qualcosa che è già accaduto». Hagai El-Ad, direttore esecutivo di B’Tselem, termina così la presentazione del rapporto su Israele, «Un regime di supremazia ebraica dal fiume Giordano al Mar Mediterraneo: questo è l'apartheid», presentato due giorni dalla sua organizzazione considerata il più importante centro israeliano per i diritti umani. Parole che non lasciano spazio alle interpretazioni e che per questo hanno provocato reazioni a raffica. Mai B’Tselem, una ong ebraica, era giunta al punto di descrivere lo Stato di Israele come un «regime...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi