closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Bryan Fogel, la censura saudita contro il «dissidente»

Cinema. Nonostante il successo, il film del regista «The Dissident» non appare nelle liste dei premi principali, Oscar in testa. Bin Saldan ha investito miliardi a Hollywood, una scalata che continua

Bryan Fogel e Hatice Cengiz, sotto un frame dal film «The Dissident»

Bryan Fogel e Hatice Cengiz, sotto un frame dal film «The Dissident»

The Dissident – recensito su queste pagine da Cristina Piccino il 16 febbraio https://ilmanifesto.it/the-dissident-lomicidio-khashoggi-e-la-democrazia/ - ricostruisce con precisione forense l’assassinio di Jamal Khashoggi, uno dei più efferati delitti politici dell’era contemporanea. Nel caso del giornalista saudita residente americano, ucciso e smembrato nell’ambasciata saudita di Istanbul da un commando di sgherri spedito dal principe ereditario Mohammed Bin Salman, è racchiusa la violenza del totalitarismo contemporaneo e la moderna brutalità di regimi capaci di gestire patinati account social mentre eliminano fisicamente i propri avversari con metodi medievali. C’è insomma la concezione di potere sdoganata da Putin, Trump, Bolsonaro, Duterte e, appunto, la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi