closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Bruxelles su Navalnyj: «Garantire l’accesso ai suoi medici di fiducia»

Russia. L’oppositore è stato trasferito al reparto di degenza dell’ospedale per detenuti

La vicenda Navalnyj arriva sul tavolo di Bruxelles. Le condizioni di detenzione dell’oppositore russo – che sta scontando una pena detentiva nella colonia penale di Porkov – sono state discusse ieri durante il Consiglio informale Affari esteri dell’Unione europea. Occhi puntati sul suo stato di salute, dopo che nei giorni scorsi i medici e lo staff di Navalnyj – in sciopero della fame dal 31 marzo – hanno denunciato un aggravamento delle sue condizioni: la sua portavoce Kira Jarmush, in particolare, ha affermato che potrebbe «morire nel giro di pochi giorni». «L’Unione europea riterrà le autorità russe responsabili della sicurezza...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi