closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Bruno Maida, oggi si parte per dove si mangia

Storia del Novecento. Ideata dal Pci dopo la guerra, l’odissea di decine di migliaia di bambini, trasferiti presso famiglie ospitanti, meno colpite dalle devastazioni: «I treni dell’accoglienza», da Einaudi

Una immagine  dei «treni della felicità», tratta  da «La settimana Incom»

Una immagine dei «treni della felicità», tratta da «La settimana Incom»

Quando un evento doloroso colpisce la vita sociale, i singoli individui sono – o dovrebbero essere – più disposti ad assumere e a far propria la dimensione collettiva dei problemi, consapevoli che i mali comuni non possono essere affrontati individualmente. Questa occorrenza, che la pandemia in corso ci ricorda, risultò evidente all’indomani della liberazione in una Italia che veniva da quasi due anni di scontri durissimi, accompagnati da intensi bombardamenti e immani distruzioni e dalla perdita di buona parte delle infrastrutture e degli impianti produttivi. Centri abitati sventrati, fabbriche devastate e campi abbandonati disegnavano in molte parti del paese un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi