closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Brogli elettorali e Hunter Biden: indagini inutili. Così Barr scende dal carro di Trump

Stati uniti in transizione. No-comment del tycoon, che lancia un’altra «granata» sull’architettura degli edifici federali che deve essere «bella»

William Barr con Trump alla Casa bianca

William Barr con Trump alla Casa bianca

Secondo il ministro della Giustizia William Barr non c’è ragione per nominare un procuratore speciale per le indagini nei confronti di Hunter Biden, figlio del presidente eletto Joe Biden, né di aprire un'indagine federale sui brogli elettorali mai provati, specialmente dopo che le indagini svolte dagli agenti federali non hanno rilevato nulla di tanto importante da poter cambiare il risultato e dopo che tutti gli Stati hanno certificato la validità del voto e i Grandi Elettori hanno eletto Biden come 46esimo presidente degli Stati uniti. HUNTER BIDEN le scorse settimane aveva rivelato di essere sotto indagine fiscale nel Delaware, ma...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi