closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Brigata Newen Mapuche: «Così soccorriamo i feriti e denunciamo gli abusi della repressione in Cile»

Intervista. Rodrigo, uno dei fondatori, racconta l'importanza del lavoro di tutela della salute di chi protesta contro le violenze dello Stato: «Spesso i manifestanti a causa dei gas diventano momentaneamente ciechi e noi li aiutiamo. Dopo molti continuano a manifestare, altri non ce la fanno e tornano a casa»

Ottobre 2019, un manifestante investito dal getto del

Ottobre 2019, un manifestante investito dal getto del "guanaco" nelle strade di Santiago

Da più di un anno il popolo cileno manifesta nelle strade contro il governo di Sebastian Piñera e le sue politiche neoliberiste. Resistendo alla violenza dei carabineros e sfidando i coprifuoco e la militarizzazione delle strade le mobilitazioni di massa sono riuscite a ottenere un referendum che lo scorso ottobre ha decretato una vittoria schiacciante dei favorevoli a una nuova assemblea costituente. La costituzione scritta sotto la dittatura del generale Pinochet verrà finalmente sostituita. Molti manifestanti non si sono accontentati delle promesse di riforme e per questo continuano a chiedere le dimissioni del presidente Piñera sfidando ancora una volta la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi