closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Brevi dal mondo: Turchia, Palestina, California, Libia

Erdogan licenzia il governatore della Banca centrale. Israele ha fatto sparire le prove della Nakba. Sisma, la California dichiara lo stato d’emergenza. Haftar riconosce la Noc: «Il greggio lo esportano loro»

Il presidente turco Erdogan

Il presidente turco Erdogan

Banca centrale, Erdogan licenzia il governatore Murat Cetinkaya, governatore della Banca centrale turca da aprile 2016, è stato licenziato ieri. Con decreto presidenziale firmato da Erdogan, in tronco e senza spiegazioni ufficiali. Per ora il suo posto sarà preso dal vice, Murat Uysal. La decisione non è un fulmine a ciel sereno: da tempo il presidente Erdogan era in rotta con Cetinkaya, accusato di non tagliare i tassi di interesse come chiesto dal governo turco. Una richiesta mossa per attirare investimenti stranieri e incrementare le esportazioni dopo la crisi finanziaria dello scorso anno, quando la lira turca crollò provocando un’impennata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.