closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Internazionale

Brevi dal mondo: Messico/Usa, Arabia saudita, Kashmir, Kurdistan

Internazionale. Migrante 19enne incinta muore sul muro Usa-Messico. Palline da golf contro il torneo femminile saudita. Kashmir, libero il leader Abdullah, ma non gli altri. Kurdistan turco, retata di avvocati e politici dell’Hdp

La barriera al confine tra Messico e Stati uniti

La barriera al confine tra Messico e Stati uniti

Migrante 19enne incinta muore sul muro Usa-Messico

Una giovane donna guatemalteca, Miriam Stephany Girón Luna, 19 anni e incinta di sette mesi, è morta cadendo dal muro tra Messico e Stati uniti, nei pressi della città texana di El Paso. È stata portata in un ospedale della città statunitense, dove i medici hanno tentato di salvare il bambino, senza successo. Il numero di persone che prova a entrare negli Stati uniti arrampicandosi sul muro è aumentato, dicono funzionari locali alla Bbc, segno di un cambiamento nelle modalità di ingresso a seguito della costruzione della barriera voluta dal presidente Trump.

***

Palline da golf contro il torneo femminile saudita

La forma di protesta scelta contro il torneo internazionale femminile di golf che si terrà la prossima settimana a Gedda è una pallina da golf. O meglio, centinaia di palline con su scritto il nome di attiviste saudite arrestate nel regno per il loro impegno per i diritti delle donne. Dopo il match femminile di wrestling del 2019, il lancio della lega di calcio femminile a febbraio e un match di cricket tra donne una settimana fa, Riyadh insiste nell’uso dello sport per rifarsi l’immagine, mentre le donne saudite restano cittadine di serie b. Così la sede belga di Amnesty ha deciso di protestare inviando 500 palline all’ambasciata di Riyadh a Bruxelles.

***

Kashmir, libero il leader Abdullah. Ma non gli altri

Farooq Abdullah è stato liberato. Il leader politico ed ex chief minister del Kashmir è stato rilasciato ieri dopo sette mesi di detenzione a seguito delle proteste scoppiate per la cancellazione dello status speciale per la regione contesa con il Pakistan e a maggioranza musulmana. Era stato arrestato insieme a centinaia di politici e attivisti, mentre la regione veniva completamente chiusa. Tra loro Mehbooba Mufti. Lei resta in prigione, così come il figlio di Abdullah, Omar, entrambi ex chief minister. Dietro il rilascio dell’82enne Abdullah ci sarebbero infatti le sue condizioni di salute. «Sono libero oggi. Adesso potrò andare a New Delhi in parlamento e parlare per voi tutti», ha detto ai giornalisti.

***

Kurdistan turco, retata di avvocati e politici dell’Hdp

Giovedì la procura di Urfa, nel Kurdistan turco, ha emesso 103 mandati d’arresto contro politici, sindaci, avvocati e guardie carcerarie. Al momento sarebbero stati arrestati un sindaco dell’Hdp (il partito di sinistra filo-curdo), 12 guardie carcerarie, 10 legali e un numero imprecisato di politici. Nessuna accusa ufficiale è stata finora mossa.


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna