closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Breve storia della «guerra giusta»

Migrazioni. Le politiche comunitarie sui flussi migratori nel Mediterraneo assumono il volto di un’operazione militare paradossalmente giustificata da motivi etico-morali. Ma «chi dice umanità cerca di ingannarti», diceva già Carl Schmitt nel 1927

Le decisioni comunitarie sulla gestione dei flussi migratori e il contrasto ai trafficanti sembrano sempre più divenire il pretesto per una ennesima operazione bellica in Libia, quasi a voler completare con la sempreverde motivazione umanitaria il lavoro lasciato a metà con l’eliminazione di Gheddafi. L’idea della guerra agli scafisti, però, se comporta non pochi problemi di tattica militare, quali il rischio drammatico della perdita di civili, in particolare dei migranti stessi, offre anche una possibile motivazione a livello di Consiglio di Sicurezza Onu che tenga conto dell’attuale diritto internazionale. Infatti, in questo caso, saremmo di fronte ad un’azione contro dei...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.