closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Bracciante ‘a nero’ ferito e abbandonato

Puglia/Caporalato. In provincia di Taranto un lavoratore straniero è stato lasciato davanti ad un ospedale dopo un incidente. L'ultima storia a pochi giorni dalla manifestazione nazionale di Bari, indetta da Flai Cgil, Fai Cis e Uila Uil per dire basta allo sfruttamento in agricoltura

Braccianti nelle campagne italiane

Braccianti nelle campagne italiane

Lo hanno lasciato a terra, con le ossa rotte, all’esterno di un ospedale e se ne sono andati via. Come fosse un oggetto di cui liberarsi in tutta fretta. È questa l’ultima, agghiacciante storia accaduta in provincia di Taranto, a Castellaneta, che vede ancora una volta protagonista un bracciante, straniero, utilizzato a nero nella campagne pugliesi. Che si apprestano a vivere l’ennesima, tragica estate e a pagare le conseguenze di un fenomeno, il caporalato, che in questa terre ha affondato radici molto profonde, difficili da estirpare. Il tutto accade a pochi giorni dalla grande manifestazione nazionale di Bari, indetta da Flai...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.