closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Borowczyk, Negulesco, Leroy

LoQuasto International Film Festival. Alla sua morte nel 2006, il New York Times definì Walerian Borowczyk «il regista di fama mondiale descritto a intermittenza come un genio o un pornografo, o meglio un genio a cui capitò anche di essere un pornografo»

Alla sua morte nel 2006, il New York Times definì Walerian Borowczyk «il regista di fama mondiale descritto a intermittenza come un genio o un pornografo, o meglio un genio a cui capitò anche di essere un pornografo». Non fu unico testimone sensuale e libertario, il polacco/francese Boro, a subire i limiti dominanti del pensiero repressivo su «arte e immoralità», ma, trascorsi i fulgidi anni Settanta del suo cinema migliore (La Bestia, Il Margine, Tre donne immorali?), ciò che venne dopo contribuì involontariamente alla vulnerabilità di uno sguardo assimilato non per le sue singolari proprietà quanto per mancanza di adesione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.