closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Bombe e armi all’Iraq: gli Usa non si sporcano le mani

Iraq/Siria. Washington vende 600 milioni di missili a Baghdad e prepara un piano per addestrare le truppe di terra. Alle opposizioni siriane si impone di difendere, ma non di attaccare

Raid Usa su Kobane

Raid Usa su Kobane

Dopo due giorni di scuse a mezza bocca, ieri il Pentagono ha ammesso quello che si sapeva già: due dei 28 pacchi di armi dirette ai kurdi di Kobane sono piovute sulle postazioni dello Stato Islamico. Prima la colpa era del buio, adesso del vento, fanno sapere funzionari Usa. Ma la coalizione non si fa scoraggiare, tanto meno il presidente Obama che prosegue nella strategia finora adottata: raid dal cielo e armi alle truppe locali. La Casa Bianca ha fatto sapere che venderà 600 milioni di dollari in equipaggiamento militare al governo di Baghdad: missili, fucili, munizioni per carri armati....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.