closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Bombe azzurre sull’intesa. Il centrodestra cola a picco

Scontro Berlusconi-Salvini. Il Cav: distanza profonda. E si lancia come premier. Il leader leghista grida al «tradimento». Telefonata di fuoco. Il Carroccio dà al leader il mandato per trattare su un premier a 5 Stelle che non sia Di Maio

Matteo Salvini ad Aosta

Matteo Salvini ad Aosta

Il premier non c’è ancora, il centrodestra non c’è più. Le esequie verranno comunque rinviate almeno sino a dopo il 10 giugno, perché non sta bene presentarsi uniti sulle liste e divisi nella realtà. Ma il fattaccio, del resto previsto, si è consumato ieri tra reciproche accuse di tradimento. Un po’ è quel che gli azzurri e il Carroccio pensano davvero l’uno dell’altro. Un po’ è il solito gioco del cerino, perché la patente di lealtà, nell’elettorato dell’ex centrodestra, vale voti sonanti. AD APRIRE IL FUOCO è stato Silvio Berlusconi, che mordeva il freno da giorni. Il contratto è pieno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi