closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Bomba nel cuore di Tunisi

Anche la Tunisia precipita nello stato d’eccezione e nel panico da terrorismo. È stato il volto teso del presidente della Repubblica, Béji Caïd Essebsi, apparso in tv a reti unificate alle otto e mezzo della sera a dare il senso di passo, dopo il sanguinoso attentato che solo tre ore e mezzo prima ha colpito le sue truppe scelte. Un autobus della guardia presidenziale è stato distrutto da un attentato nel cuore di Tunisi: 12 morti e 20 feriti il bilancio ufficiale, probabilmente ancora provvisorio. L’autobus era fermo davanti alla vecchia sede del partito Rcd al potere durante il regime...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi