closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Bomba a Istanbul, i turchi pagano le guerre di Erdogan

Turchia. Cinque morti e 36 feriti nell'esplosione che ha colpito la via dello shopping. Il governo prima accusa il Pkk, poi l'Isis. Di certo c'è la strategia incendiaria di Ankara nella regione che ne ha fatto un target

A meno di una settimana dall’autobomba che ha devastato una stazione dei bus ad Ankara, ieri è stata di nuovo la volta di Istanbul. Un’esplosione ha colpito uno dei quartieri più frequentati della città, Taksim, la zona dei centri commerciali e dei negozi delle marche internazionali. La bomba è saltata in aria in via Balo Sokak, all’angolo della più trafficata Istiktal Avenue: il bilancio del Ministero degli Esteri parla di 5 morti e 36 feriti, tra cui un bambino e alcuni turisti stranieri (11 israeliani di cui 6 palestinesi, un tedesco, due irlandesi, un emiratino, un islandese e un iraniano)....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.