closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Bologna, firmata la carta dei diritti: prima vittoria dei «riders»

Gig Economy. Sì di Sgnam e MyMenu. No di Glovo, Deliveroo, Foodora. Il sindaco Merola: «boicottaggio»

Un rider a Bologna

Un rider a Bologna

Le piattaforme del cibo a domicilio Deliveroo Glovo, Foodora e JustEat hanno disertato la firma della carta dei diritti del lavoro digitale di Bologna, un documento prodotto dalle mobilitazioni dei ciclofattorini della «Riders Union Bologna», il nuovo sindacato sociale auto-organizzato che ha creato un fronte che va dall’amministrazione comunale a guida Pd ai sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil. Ieri a Palazzo D’Accursio hanno firmato la carta Sgnam e MyMenu, fuse in un’unica azienda che occupa circa 130-140 dei 500 fattorini nel capoluogo emiliano. Il sindaco Virginio Merola ha annunciato che renderà note sulla rete civica Iperbole le piattaforme che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.