closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Bologna alle soglie di un lockdown duro. Il sistema sanitario scricchiola

Emilia Romagna. La terza ondata mette paura: troppi contagi, molto veloci e fra i giovanissimi. Il fronte caldo è quello della scuola, al momento chiusa dai sei anni in su. E per i vaccini over 80 si va a rilento

Bologna verso la zona rossa

Bologna verso la zona rossa

«Siamo a un passo dalla zona rossa», ha detto ieri il sindaco di Bologna Virginio Merola, chiedendo alla Regione Emilia-Romagna di fare presto. E così anche Bologna e i paesi del circondario si sono risvegliati di nuovo alle porte di un lockdown duro, per giunta dopo essere appena entrati in zona arancione scuro, cioè con scuole chiuse dai sei anni in su. Un «benvenuti nella terza ondata» giustificato dai numeri. Ieri in tutta l’Emilia-Romagna si sono contati 2.375 pazienti nei reparti Covid non intensivi, con un balzo in avanti di 120 ospedalizzati da un giorno all’altro. Un trend insostenibile anche...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi