closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Boko Haram, la Nigeria ora tratta

Lo scambio. La liberazione di 21 delle 276 studentesse rapite nel 2014 e il rilascio di alcuni miliziani frutto della mediazione di Svizzera e Croce Rossa. Ma nei territori del nord-est strappati ai jihadisti è catastrofe umanitaria

A distanza di due anni mezzo dal sequestro di massa in una scuola del nord-est della Nigeria che ha scatenato indignazione e la campagna internazionale #BringBackOurGirls, giovedì scorso il governo nigeriano ha annunciato la liberazione di 21 studentesse. Il rilascio sarebbe avvenuto a seguito di trattative e in cambio della liberazione di alcuni militanti di Boko Haram: «È il risultato dei negoziati tra l’amministrazione e Boko Haram, con la mediazione della Croce Rossa Internazionale e del governo svizzero». «I negoziati continueranno», ha annunciato in su Twitter Mallah Garba Sheh, portavoce del presidente Muhammadu Buhari. Il 14 aprile 2014, 276 studentesse...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi