closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Boeri soffia sul fuoco delle pensioni

Vecchi & giovani. L'Inps presenta il rapporto Ocse "Pensions at a Glance 2015" con luci e ombre sul sistema previdenziale italiano, e aggiunge una simulazione su 5mila trentenni: "Prenderanno meno, e in età più avanzata". Cgil Cisl e Uil ribattono: “Le riforme hanno portato l'età pensionabile al livello più alto in Europa, e la spesa comprende l'assistenza. Il vero problema è l'inadeguatezza delle prestazioni”.

Il presidente dell'Inps, Tito Boeri

Il presidente dell'Inps, Tito Boeri

Rapporti come il “Pensions at a Glance 2015” dell'Ocse, presentato a un convegno dell'Inps, sono un ottimo casus belli per riattizzare le polemiche. Indirizzate, va da sé, sul sistema pensionistico italiano, giocando su un passaggio del documento in cui si rileva che, nonostante le riforme degli ultimi anni e la crescita dell'età pensionabile, “la sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico richiede ulteriori sforzi negli anni a venire”. Di avviso opposto la Cgil, che con Vera Lamonica ribatte: “La stessa Ocse osserva che le riforme hanno portato l'età pensionabile al livello più alto in Europa, e che la spesa pensionistica è calcolata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi