closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Bob Marley il poeta del ghetto tra sballo e meditazione

Note sparse. Ristampa in versione deluxe con takes alternativi e demo inedite di «Kaya», storico album del 1978. Il disco dalle atmosfere dopate, era stato registrato a Londra insieme a brani confluiti poi in «Exodus»

Bob Marley

Bob Marley

Forse è solo una diceria, uno stupido chiacchiericcio da corridoio quello secondo cui Bob Marley non è stato neanche la prima scelta di Chris Blackwell per fare da cavia nel suo ardito esperimento: far diventare il reggae un genere internazionale e di trasformare un artista giamaicano in una star mondiale. Verso la fine degli anni ’60, il reggae, in Gran Bretagna, era considerato dagli appassionati uno stile pop come un altro, magari solo un tantino più accattivante. Le ritmiche esportate erano, infatti, minimali, e il reggae aveva una vita commerciale molto corta. Quando Chris Blackwell mise sotto contratto i Wailers...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.