closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Bo Xilai rovescia tutte le accuse

Cina. A sorpresa, il leader «neomaoista» processato per corruzione si difende e rilancia la sua battaglia politica. Lo show da leone in aula del «principino rosso» mette in forte imbarazzo il partito comunista

Bo Xilai durante il processo

Bo Xilai durante il processo

Se la campagna anti corruzione del presidente Xi Jinping aveva annunciato bordate sia contro le «tigri» sia contro le «mosche» c’è da chiedersi quale sarà il verdetto nel processo contro il «leone» Bo Xilai. Ieri è cominciato il procedimento a carico dell’ex leader del Partito di Chongqing, accusato di corruzione, tangenti e abuso di potere. Le sedute del tribunale continueranno oggi e termineranno tra due settimane, quando conosceremo la sentenza: Bo Xilai rischia la pena di morte, anche se i bene informati hanno già annunciato una condanna a quindici o vent’anni di reclusione. Ci si aspettava una prima giornata di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi