closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Blanchot, frammenti per una nuova semantica

Novecento francese. Sollecitandoci a mettere in questione il nostro sapere interpretativo, «La scrittura del disastro» aspira a un nuovo ordine, il cui riferimento non sia il sistema stellare: dal Saggiatore

Maurice Blanchot con la maschera mortuaria della «Inconnue de la Seine», la donna annegata, pare, presso  il Quai du Louvre,  negli anni 80 dell’800; riprodotto in migliaia di copie, il calco del suo volto ispirò molti artisti europei

Maurice Blanchot con la maschera mortuaria della «Inconnue de la Seine», la donna annegata, pare, presso il Quai du Louvre, negli anni 80 dell’800; riprodotto in migliaia di copie, il calco del suo volto ispirò molti artisti europei

Nel febbraio 1981 Maurice Nadeau, direttore della rivista La Quinzaine littéraire, si trovò in una situazione imbarazzante: a quasi sei mesi dall’uscita dell’ultimo libro di Maurice Blanchot, La scrittura del disastro (traduzione di Federica Sossi, il Saggiatore, pp. 177, € 24,00) il periodico non aveva ancora dedicato spazio al saggio, malgrado il suo responsabile lo considerasse tra i libri che «modificano la visione delle cose e ci aprono a noi stessi». Nella consapevolezza della difficoltà di parlarne adeguatamente, nessun collaboratore della rivista si era sentito di renderne conto. Come regolarsi? Nadeau pensò a una strada inconsueta: si rivolse a due...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.