closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Blair bugiardo di guerra

Rapporto Chilcot. Sette anni di inchiesta inchiodano l’ex premier Blair accusato di un attacco non necessario contro l’Iraq sulla base di informazioni «difettose». Sotto i riflettori il rapporto con l’ex presidente Bush con cui scavalcò il Consiglio di Sicurezza. Il laburista Corbyn si scusa con il popolo iracheno, le famiglie dei soldati uccisi vogliono un processo

Proteste contro l'ex premier britannico Blair per l'invasione dell'Iraq

Proteste contro l'ex premier britannico Blair per l'invasione dell'Iraq

The day of reckoning, la resa dei conti sulla folle impresa dell’invasione dell’Iraq in cui Tony Blair trascinò entusiasticamente il paese dietro iniziativa americana, è arrivato. Nei due milioni e mezzo di parole per 12 volumi di cui si compone il rapporto Chilcot, l’inchiesta che ha finalmente visto la luce sette anni dopo essere stata commissionata dall’allora primo ministro Brown. È stata presentata ieri al centro Queen Elizabeth, vicino Westminster, davanti al quale protestavano attivisti di Stop the War Coalition. È la terza inchiesta parlamentare nel suo genere e segue la Hutton Enquiry (2003) e la Butler Review (2004). È...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.