closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Bin Salman «accolto» al G20 da un’indagine

Arabia saudita. Il tour di riabilitazione non convince, in forse anche l'incontro a due con il presidente Usa Trump su cui pesa il voto del Senato sulla guerra contro lo Yemen. E il Canda mette le sanzioni contro 17 cittadini sauditi

Mohammed bin Salman

Mohammed bin Salman

Non sta andando per il meglio il tour di «riabilitazione» di fronte al mondo avviato dall’erede al trono saudita Mohammed bin Salman in seguito all’assassinio, di cui è ritenuto il mandante, del giornalista dissidente Jamal Khashoggi, lo scorso 2 ottobre nel consolato saudita di Istanbul. Certo il principe ereditario ha ricevuto accoglienze senza precedenti dall’alleato presidente egiziano al-Sisi e i leader tunisini quasi gli baciavano le mani quando ha assicurato al paese nordafricano un prestito a tassi agevolati di 500 milioni di dollari e il finanziamento di progetti per 120 milioni di dollari. Ma la società civile tunisina e i...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi