closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

Bidoni di lusso e di morte

Ve l’avevamo detto. I cacciabombardieri F35 sono bidoni di lusso e ne stanno passando di tutti i colori. Dopo l’ennesimo incidente, ieri il Pentagono ne ha deciso la sospensione dei voli. Da ultimo avevano preso fuoco durante il decollo, ma prima ancora erano stati fatti atterrare a causa di un temporale. Il software che va in tilt, il peso eccessivo della fusoliera e i caschi milionari dei piloti che fanno vedere doppio come dopo una sbronza sono solo alcune delle falle di un sistema d’arma pagato a peso d’oro e che fa acqua da tutte le parti. Una vera débacle per l’industria militare e la politica estera Usa che ha impegnato e condizionato molti paesi alleati ad acquistarli.

Con la incessante crescita delle spese, gli F35 sono una gallina dalle uova d’oro per la Lockheed – che ne è il capofila della produzione – e un secchio bucato per i governi che lo stanno producendo ed acquistando. Negli Stati Uniti (e soprattutto negli altri paesi partner) se ne stanno accorgendo, ma in Italia la ministra Pinotti, troppo nella parte delle nostre gerarchie militari e delle lobbies delle armi, fa finta di niente e, spalleggiata dal presidente Napolitano e dal Consiglio Supremo della Difesa, continua a nicchiare e a sperare in tempi migliori.

Dopo l’approvazione delle mozioni parlamentari del giugno del 2013 che chiedevano la sospensione di altri acquisti (decisione violata dal governo nel settembre del 2013 e nel marzo del 2014: ora di F35 ne abbiamo 6 in produzione) e che ha portato a qualche riduzione di spesa nel 2014, abbiamo passato quasi un anno in una indagine conoscitiva (terminata nel maggio scorso) che avrebbe dovuto aiutarci a prendere la decisione definitiva: continuare o meno nell’avventura degli F35. Ma così non è stato. Perché, finito un temporeggiamento, ne è iniziato un altro. Ora bisogna aspettare il Libro Bianco della Difesa, sul quale il Parlamento potrà dare «valutazioni e suggerimenti», dice la Pinotti. La palla passa di nuovo dal Parlamento (così espropriato) al Governo e al Consiglio Supremo di Difesa. Quanto tempo ci vorrà, comunque? Non si sa: potrebbero trascorrere altri 8-10 mesi.

E così la tattica dilatoria continua, mentre il Consiglio Supremo di Difesa dice al Parlamento di non intromettersi troppo nelle scelte della difesa e soprattutto di non permettersi di ridurre eccessivamente le spese militari, pena la nostra operatività nelle missioni all’estero in cui siamo impegnati. Ma andrebbe ricordato che gli F35 sono concepiti come caccia da first strike, da primo colpo d’offesa – altro che «difesa» – e possono montare anche testate nucleari.

Dietro questa tattica temporeggiatrice c’è sullo sfondo lo scontro tra la Pinotti, Napolitano, i vertici militari e una parte minoritaria del Pd che quegli F35 non li vorrebbe. Con la speranza che – passata la buriana di questi mesi e la dichiarazione del Pentagono che per i cacc’è la «no fly zone del Pentagono» – si possa prendere la decisione di acquistarli e avviarli gli F35, magari distratti da qualche avvenimento più importante.

E Renzi? Dopo i roboanti annunci (non veritieri) di qualche giornale di un paio di mesi fa sui tagli degli F35, resta muto, silenzio assoluto. Nemmeno un tweet. Vuole combattere – così dice – tutte le caste. L’unica che non tocca è quella delle gerarchie militari e del business delle armi. Giustamente vuole ridurre gli sprechi delle auto blu (per qualche milone), ma niente dice sugli sprechi degli F35 (risparmio 14 miliardi). Evidentemente non vuole disturbare le lobbies militari e gli Stati uniti.

Non è retropensiero: basta ricordarsi su questo le pressioni dell’ambasciata Usa.

Stavolta dovrà risponderne ancora in Parlamento. Il prossimo 29 luglio la Camera dei deputati discuterà la nuova mozione che chiede lo stop agli F35. Un’occasione per mobilitarsi e per portare allo scoperto le contraddizioni di un governo che non cambia il verso delle spese militari e del riarmo aatlantico.