closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Biden rompe un tabù: «Genocidio armeno»

Usa/Turchia. Nessun presidente americano prima aveva riconosciuto l'atto genocida ottomano contro gli armeni. A nulla è servita la telefonata del presidente turco Erdogan. Ankara: la dichiarazione è «una ferita aperta che mina la nostra amicizia»

Veglia a Yerevan nel giorno di commemorazione del genocidio armeno

Veglia a Yerevan nel giorno di commemorazione del genocidio armeno

Sotto la spinta di una lunga campagna di lobbying da parte di membri del Congresso e gruppi di pressione armeni americani, il presidente Usa Joe Biden ha riconosciuto formalmente come un atto di genocidio l’uccisione di massa degli armeni da parte delle forze turche ottomane. La dichiarazione, che i suoi recenti predecessori hanno evitato nonostante il termine sia abbracciato da molti studiosi della storia dell’inizio del XX secolo, è arrivata il 24 aprile, Giorno della memoria dell’Armenia e farà probabilmente infuriare il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che aveva avvertito che una dichiarazione di questo tipo avrebbe danneggiato le relazioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi