closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Bibi vola alto nei sondaggi ma dopo il voto non avrà una maggioranza

Israele/Elezioni. Il premier conserva il consenso ma dopo il voto del 23 marzo difficilmente avrà i numeri per formare una coalizione di governo. Punta perciò a raccogliere voti ovunque anche tra gli arabo israeliani suoi nemici sino a qualche settimana fa

Israele, protesta araba

Israele, protesta araba

Avversari politici agguerriti, contestazioni nelle strade e il processo per corruzione che presto lo vedrà sul banco degli imputati, non scalfiscono il consenso di cui gode ancora Benyamin Netanyahu. Se si tenessero oggi le elezioni legislative previste il 23 marzo – le quarte in due anni - il Likud del premier di destra risulterebbe il primo partito con 30 seggi (sui 120 della Knesset) rivelava domenica un sondaggio della tv Canale 12. «Yesh Atid» (C’è un futuro) del centrista Yair Lapid sarebbe secondo ma con appena 17 seggi. Lontani anche i due partiti di destra rivali del Likud: a «Tikva...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi