closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Bibi ha fretta, approva case per i coloni prima di Biden presidente

Territori occupati. Il presidente democratico, stando alle indiscrezioni, si mostrerà contrario all'espansione degli insediamenti ebraici in Cisgiordania e a Gerusalemme Est e rilancerà la soluzione a Due Stati

Quattro anni fa, già prima che l’alleato Donald Trump facesse ingresso alla Casa Bianca dopo aver sconfitto Hillary Clinton, il governo israeliano diede il via libera alla costruzione di migliaia di case negli insediamenti coloniali in Cisgiordania e Gerusalemme Est. Una colata di cemento proseguita per quattro anni con l’approvazione del tycoon repubblicano sconfitto alle presidenziali dello scorso 3 novembre. Ma fu anche una vendetta contro l’ex presidente Barack Obama che, giunto al termine del suo secondo mandato, non impose l’abituale veto Usa a una risoluzione di condanna delle colonie israeliane presentata al Consiglio di Sicurezza dell’Onu. Ora il premier...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi