closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Berrettini vola in finale a Wimbledon

Sport. Grande impresa del tennista che si gioca la Coppa quasi 26 anni dopo un torneo senza passi falsi compreso la semifinale con il polacco Hurkacz

Matteo Berrettini

Matteo Berrettini

La sua colpa è non essere Sinner. Cioè il predestinato, quello che anticipa i tempi, che si prende un giro di vantaggio sulla natura, sui tempi scanditi dal tennis. Soprattutto in Italia, dove l’erede di Adriano Panatta era atteso da generazioni. Ma ora che Matteo Berrettini si è guadagnato la finale di Wimbledon (sesta finale di un italiano nelle prove del Grand Slam), il suo ruolo di secondo violino del tennis italiano, alle spalle appunto del giovane Sinner, va assolutamente rivisto. Si gioca la Coppa a quasi 26 anni (contro il solito Djokovic, a caccia del 21esimo torneo dello Slam)...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.