closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Bernhard Schlink anima la figura femminile di un quadro

Scrittori tedeschi. «Donna sulle scale», da Neri Pozza

Gerhard Richter, «Ema», 1992

Gerhard Richter, «Ema», 1992

In una recente intervista Bernhard Schlink ha dichiarato di scrivere «per lo stesso motivo per cui gli altri leggono: nessuno vuol vivere una vita sola». L’esplorazione immaginaria di esistenze alternative alla propria è l’attività tanto vana quanto intrisa di rammarico cui lo scrittore nato a Bielefeld nel 1944 destina i protagonisti di Donna sulle scale (traduzione di Susanne Kolb, Neri Pozza, pp. 208, € 18,00). A soggiacere alla tentazione di raffigurarsi al centro di una storia differente da quella effettivamente vissuta è anzitutto l’io narrante, un anziano avvocato senza nome, vedovo, che inaspettatamente, mentre è a Sidney per lavoro, si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.